12.5.12

Costiera,pomeriggio e amiche: il mercatino dell'usato


Un pomeriggio di sole, una macchina stracolma e la Costiera Amalfitana: giusto all’inizio, lì dove riesci a vedere quell’angolo di mare che Salerno distesa tiene stretto.
Il tepore tipico della primavera che da noi ha già il sapore di creme abbronzanti, sedie a sdraio e parei leggeri.
Un casa carina, molto allegra e poche amiche.

È il mercatino dell’usato e del baratto che abbiamo organizzato per disfarci di quello che c’è in armadio, che non mettiamo più, che aspetta il cambio stagione per prendere aria, dei vecchi jeans ancora ben tenuti che “ah come sarebbe bello se ancora c’entrassi!!.. ma come facevo ad entrarci??” ..certo certo, la dieta la si comincia sempre lunedì.. di quale anno e quale mese poi è un mistero pari a quello che ti attanaglia quando, con un vestito da mettere nude-look, ti chiedi: “ma come le mantengo? Chili di scotch?!” .. ma questa è un’altra storia.., di tutte le Tee che hai accumulato negli anni e che tanto credi sempre che ne avrai un bisogno spasmodico e che continui a comprare, magari una carestia o una fuga immediata in un rifugio antiatomico possano impedirtelo a breve, delle scarpe che non metti più, troppo alte, troppo basse, o solo “troppo”, perché un motivo per dare via un paio e prenderne un nuovo lo si trova di certo più facilmente dell’I-phone nella tua mega borsa. Di tutte le chincaglierie, i monili e gli oggetti generatori di dlin-dlin che tanto ci piace comprare perché forse il suono fa da richiamo e noi “no” proprio non sappiamo dirglielo… poi si sa, tra amiche, esce qualsiasi cosa e si gioca a scambiarsi la roba come quando da bambina ti mancavano proprio quelle due figurine per finire l’album.. insomma con uno stato di necessità che sembra pari a quello per cancellare il debito dei paesi poveri nel mondo..




Scherzi e ironia a buon mercato a parte, che mi piace fare su questo nostro mondo femminile sempre in movimento e sempre pieno di necessità vere o apparenti , queste sono le poche righe scritte per un pomeriggio carino, che tende a dare una botta di vita alla crisi e che fa impegnare il tempo in buona compagnia, che si preoccupa dell’ambiente, preservandolo da montagne di sacchi di indifferenziata e che ti rende felice con poco.


Tutto condito da un’adorabile padrona di casa, un palazzetto della costiera vista mare e i colori di un soffice divano Roche Bobois a farci sentire coccolate: Meraviglia!! 


















Nessun commento:

Posta un commento

Grazie del tuo commento, sarà un piacere per me ricambiare la tua visita.